GLI ITALIANI E IL MAL DI SCHIENA

Di mal di schiena ne soffre ben l’80-85% della popolazione, costringendo anche ad assentarsi dal lavoro per qualche giorno. Sono i dati dell’Istituto Scientifico Italiano Colonna Vertebrale di Milano che, analizzando indagini internazionali e le nostre, risulta che in Italia il 60% delle assenze dal lavoro dipendono da disturbi muscolo-scheletrici, primo fra tutti la lombalgia. Genericamente si parla di mal di schiena, ma i tratti mobili della colonna vertebrale che possono infiammarsi e dare dolore intenso sono tre: tratto cervicale, dorsale e lombare. Il tratto cervicale si compone di sette vertebre e presiede al sostegno della testa. Da queste vertebre escono i nervi che dirigono il movimento dei muscoli delle spalle, delle braccia e delle mani. Il tratto dorsale è quello nel quale si trovano le costole e alcuni fasci del diaframma, per cui ha un ruolo essenziale nella respirazione. La colonna dorsale consente i movimenti di estensione, flessione e rotazione della schiena. Il tratto lombare si compone delle vertebre più robuste ed è quello che favorisce il movimento del bacino quando si cammina. Non sottovalutate il vostro mal di schiena. Consultate il medico per valutare quale specifico terapista può risolvere il vostro problema.

Commenti